itinerarinvetta

Cerca
Cerca

Vai ai contenuti

Monte Lussari

Trekking

Raggiungere la località di Camporosso poco prima di Tarvisio , salire lungo la strada che sale alla frazione di Lussari costeggiando un piccolo torrente. Raggiunte le prime case si lascia l’auto presso uno piccolo parcheggio sulla destra (m 850). Attraversato il piccolo borgo la strada asfaltata termina lasciando il posto alla frequentata mulattiera che conduce al (cartello, segnavia CAI n.613, divieto di transito). Percorsi pochi metri la pista compie una decisa ansa attraversando su un ponticello il greto del rio Argento quindi prende quota iniziando una diagonale in moderata pendenza. Ci si porta così nel vallone del rio Lussari che da qui fino alle malghe si percorrerà in destra orografica. Dopo avere oltrepassato una schiarita che ospita un vecchio stavolo rovinato (m 980) la salita si fa più marcata. Un breve tratto pianeggiante in corrispondenza di un crocifisso interrompe la salita che subito dopo riprende decisa con una serie di piccole svolte. Successivamente si incontrano alcune stazioni della Via Crucis ed una cappelletta dalla quale con una ultima serie di svolte si esce finalmente sul pianoro della (m 1573). Il sole, nelle corte giornate di gennaio, non sempre riesce ad illuminare la conca racchiusa a sud dalle rocciose propaggini della Cima del Cacciatore.
Con pendenza più moderata si riprende così a salire mirando alla vicina insellatura presso il monte Prasnig a cui si perviene dopo avere compiuto alcuni tornanti. Sul passo (m 1715), se la giornata è serena, oltre ad una piccola cappella ci attende finalmente anche il sole ,da qui possiamo vedere il versante settentrionale dello Jof di Montasio , e sulla Cima del Cacciatore la cui via normale estiva ha inizio proprio qui (cartello CAI). Il tratto successivo rappresenta la parte più panoramica dell’itinerario: con modesta pendenza si prende a traversare le pendici del monte Prasnig e del Monte Santo di Lussari che si aggira sulla sinistra. In breve si raggiunge il piccolo (m 1760), cresciuto attorno al Santuario, dove confluiscono anche gli sciatori che utilizzano il vicino impianto di risalita. Prima di iniziare la discesa conviene visitare anche la vetta del monte Santo di Lussari (m 1789) risalendo il pendio proprio dietro al Santuario.



Sentiero CAI 613 617
Dislivello 900 metri circa
Tempo 5 ,30 circa
Carta tabacco n°19





Home | Trekking | Ferrate | Ciaspole | Casere e Rifugi | Meteo | Link | Chi siamo | Download | Libro di Vetta | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu