itinerarinvetta

Cerca

Vai ai contenuti

Monte Paterno

Ferrate

Escursione ad anello con partenza dal Rif Auronzo(2320m) raggiunto in autobus dal parcheggio camper di Misurina . Dal rifugio seguire la strada (101)verso il Rif Lavaredo( 2344m) seguire quindi il sentiero 101 che ci porta alla Forcella Lavaredo e quindi costeggiando per l'evidente traccia le pendici della croda del Passaporto e del Paterno raggiungiamo il Rif Locatelli(2438m). Individuata la caratteristica formazione rocciosa chiamata la “salsiccia di Francoforte” in leggera salita si raggiungono le prime brevi gallerie scavate nella roccia durante la prima grande guerra dopo averle oltrepassate raggiungiamo la galleria più lunga circa 200metri indispensabile la torcia
al suo termine indossiamo l'imbragatura perché inizia la ferrata . Salendo un ripido costone roccioso
raggiungiamo la Forcella del Camoscio (2650m). Prestare attenzione perché la salita va fatta attraverso le attrezzature alla dx mentre quelle alla sx vengono utilizzate per la discesa . Questo e il punto più esposto e difficile della via , al termine delle attrezzature un sentiero segnalato con alcuni ometti ci conduce direttamente alla vetta del Paterno(2750) libro e croce di vetta. Dopo aver ammirato un meraviglioso panorama sulle Dolomiti circostanti riprendiamo la via della discesa verso la Forcella del Camoscio da dove proseguiamo lungo il sentiero delle Forcelle via semplice
che si sviluppa su cenge quasi orizzontali e toccando alcune forcelle (da qui il nome) con l'aiuto di funi scalette e ponticelli il legno e sempre accompagnati da splendide vedute raggiungiamo la forcella Pian di Cengia quindi andando a incrociare il sentiero 104 raggiungiamo nuovamente il rif Lavaredo e l'Auronzo .





Carta Kompass n°617
Gruppo Dolomiti di Sesto
Dislivello 450metri 300 la ferrata.
Normale dotazione ferrata più torcia elettrica
Tempo 7 ore e mezza




Galleria foto

Home | Trekking | Ferrate | Ciaspole | Casere e Rifugi | Meteo | Link | Chi siamo | Download | Libro di Vetta | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu