itinerarinvetta

Cerca

Vai ai contenuti

Val Saisera

Trekking



Raggiunta Valbruna risaliamo la valle fino ad arrivare al parcheggio della malga che prende il nome della val Saisera .Decidiamo di salire verso il rifugio Greco seguendo il sentiero 611 che sale in maniera decisa all'interno di un magnifico bosco .Poco prima del rifugio la neve si fa più spessa e decidiamo di disertare la salita al Jof di Sompdogna per proseguire seguendo il 611 verso la Fossa di Carnizza . La discreta quantità di neve caduta ha coperto il sentiero , comunque molto ben segnalato ,in alcuni passaggi il tragitto risulta difficoltoso e vista la neve che lo rende scivoloso bisogna fare attenzione .Dal rifugio si prosegue verso destra tra faggi e abeti senza particolari variazioni di quota fino a raggiungere la Fossa di Carnizza dove incrociamo il sentiero 639 che scende fino al punto di partenza del nostro giro . Dal bivio 611/639si può salire al Bivacco Stuparic che noi non raggiungiamo . Dopo una breve “pausa pranzo” e dopo aver ammirato la mole del Jof di Montasio e delle sue torri scendiamo prima per uno scomodo sentiero poi per una più comoda traccia all'intero si un bosco di faggi fino al parcheggio ,dove si trova anche un cippo intitolato a Julius Kugy botanico e alpinista amante delle Alpi Giulie .


Gruppo Alpi Giulie
Carta Tabacco n°19
Dislivello 500 m
Sentieri 611/639
Tempo 4 ore




Galleria foto

Home | Trekking | Ferrate | Ciaspole | Casere e Rifugi | Meteo | Link | Chi siamo | Download | Libro di Vetta | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu